2089: Hydroage

Eccolo qui, Hydroage. Sergio mi aveva chiesto di uploadarlo su Youtube o simili, e dopo un anno, l’ho accontentato.

2089: Hydroage è il video della tesi realizzato dalla mia classe, con il nome di Dig14al Group o qualcosa del genere…Abbiamo avuto la collaborazione di un professore di Scenografia, Tommaso Ragnisco, che ci ha prestato una fantastica scenografia per gli interni. Per il resto è tutto 3d fatto da noi con 3d Studio Max, con parecchi effetti realizzati in After Effects e qualche smooth cam fatto da Shake. Montato e “color corretto” in Final Cut.

Alla fine del video trovate i credits, l’unico che manca è il caro Sergio che è stato tagliato via perché dovevo far rientrare il video negli standard di Youtube. Enjoyate la visione.

18 risposte a “2089: Hydroage

  1. Bello, peccato ke in alcune scene si veda distintamente un alone nero attorno alle sagome montate sul video ke lo rende meno credibile…xò nel complesso mi sembra bello.

    (Ps: nn x fare il criticone, ma nello spazio il suono nn può propagarsi, quindi nn credo sia possibile sentire il crepitio delle fiamme presente nella prima scena.😛 )

  2. Lo sapevo… è una cosa che è già uscita in tesi. Ah no, aspetta, la storia era che i laser non si potevano vedere. Se seguivamo alla lettera queste regole fisiche, addio corto.

    Per l’alone, considera che purtroppo abbiamo avuto un solo giorno per girare le riprese. Questo voleva dire che dovunque ci fosse stato un errore, dovevamo tenercelo.
    Es: nella sequenza in cui Raffaele (lo scienziato) scappa verso il bunker attirato dall’allarme anti-tempesta, il suo braccio sinistro era uscito fuori dall’inquadratura fino al bicipite e ho dovuto ridipingerlo in Photoshop per 35-40 frames. Non l’avevate notato, eh?😀

  3. ma penso che sia piu di un ottimo lavoro se pensiamo che e fatto da studenti con mezzi limitati! complimenti per il braccio di Raffaele io non l’avevo notato

  4. Mi è piaciuto questo corto fin dalla prima volta che l’ho visto, ovvero l’anno scorso. E spero con tutto il cuore di fare una cosa simile per la tesi. Vorrei fare presente un mio personalissimo punto di vista: per un progetto importante come è la tesi, secondo me oltre ad un uso di tecniche di produzione che comprendono tutti i programmi che stiamo studiando, è importante avere un’idea buona, che funzioni. Per fare un’esempio, il corto “Acid Jazz” che abbiamo visto in molte occasioni e anche Second Chance, mancavano di un’idea che ti faceva rimanere attaccato allo schermo, insomma erano soltanto dei video realizzati tecnicamente molto bene, ma che alla fine non ti lasciavano un messaggio che ti ritornava in testa. Questo video, 2089, secondo me funziona bene perchè è realizzato in maniera veramente buona, e in più c’è un qualcosa che emerge. Insomma, spero che l’anno prossimo facciamo qualcosa non soltanto bello esteticamente, ma anche che faccia pensare. Per far vedere che non solo sappiamo usare i programmi, ma che abbiamo idee.

  5. effettivamente ciro il braccio nn l ho notato, quindi complimenti x la ricostruzione…x il resto, si immagino ke avendo un solo giorno a disposizione alcuni errori te li devi tenere x forza. cmq complimenti in ogni caso x il video, nel complesso cm ho gia detto mi piace molto, e sn anke daccordo con quello ke ha detto gabriele. ^^

  6. neanche io avevo notato il braccio^^
    anche a me piace molto questo corto,per i vari motivi già elencati……….a prescindere da qualche sorvolabile errore,visto che è un corto fatto per una tesi (quindi tempi ristretti,attrezzature limitate ecc ecc) mi piace tantissimo.
    E’ vero,un messaggio importante e profondo può rendere un lavoro migliore di qualcosa che sia perfetto tecnicamente ma povero di contenuti.Raggiungere risultati del genere x me sarebbe già un enorme traguardo!

  7. non vorrei sbagliarmi ma dovrebbe essere tutto centrato su una mancanza di energia! i personaggi dovrebbero essere Raffaele ( l’ultimo uomo su quel pianeta ” suppongo la terra “) e l’altro uomo della navicella che cerca di rubare l’energia! quindi la storia e centrata sul fatto che ormai l’energia era diventata il bene piu prezioso! spero di essermi spiegato bene scusate la dislessia lol

  8. non sono sicuro ma credo ke l energia qui sia un pretesto x mettere a nudo il carattere umano. partendo da prometeo, ke ruba la conoscenza agli Dei e la dona agli uomini, ke xò ne fanno un evidente uso sbagliato fino ad arrivare al “2089” dove in nome di qst “conoscenza” ormai ci si fa la guerra a vicenda comportandosi da bestie…come dice lo scienziato: sono stanco ma devo continuare x sopravvivere.

    qst la mia interpretazione…ma nn sn sicurissimo😄

  9. Avete ragione entrambi. Raffaere è uno scenziato rimasto su quello che rimane della terra, ed Emanuele non è altro che un uomo venuto dallo spazio per rubargli l’energia.
    In un primo momento, volevamo che Emanuele sembrasse un alieno vestito così, e che poi si svelasse che era un umano solo dopo che Raffaele gli toglieva il casco. Purtroppo non avevamo tutte queste risorse a disposizione e quindi come costume per Emanuele alla fine abbiamo usato solo una maschera antigas e un pò di abiti inusuali. L’effetto è comunque decente.

  10. Io mi ricordo di questa storia perchè l’avevo letta parecchi anni fa (alle medie). Alla fine ero rimasto affascinato e allo stesso tempo basito dal modo in cui erano raccontati i fatti, i brutti cattivoni erano gli alieni, ma che invece eravamo noi terrestri. Forse anche per questo motivo mi ha colpito molto il corto.

  11. La storia da cui sono tratti tutti i corti della tesi di tre anni fa si intitola ” The Sentinel” ed è di Frederick Brown, un grande della fantascienza degli anni ’40, a lui si devono anche alcuni episodi di Star Trek.

  12. Evabbeh ma è bellissimo. Per me del primo anno vedere sta cosa è sensazionale.

    Tanto per dirne una, parlo da ignorante ovviamente, la musichetta all’inizio, quando si scontrano le astronavi nello spazio….bho….secondo me ce ne voleva una un po’ più movimentata, adrenalinica.

    Premetto che non so il lavoro che c’è stato dietro😄

  13. La musica di quel pezzo è stata composta nientepopodimenoche dal docente di Sound design, Filippo Manni. In questa tesi (e nelle altre di quell’anno) il sound e gli effetti sono stati fatti dalla classe di Sound Design.
    Noi di Digital possiamo essere bravi con il video, colo fotoritocco, con il 3D, però il sound devo dire che è una cosa che manca.
    Ma alla fine, chi se ne frega, no? Mica possiamo fare tutto noi? E’ giusto così.😀

    Andrea, fra due anni potrai (insieme alla tua classe) fare anche meglio di questo 2089. Alla fine conta solo quanto uno si impegna. Poi, voglio dire, con un leader illuminato come Sergio, ma cosa può fermarvi?

    Ora dobbiamo solo sperare che lo legga. AH AH…😀
    Ciao Sergio!

  14. l’ho visto anch’io l’anno scorso e probabilmente aveva qualcosa in meno, perchè questo video è davvero superiore! quasi professionale! poi conoscendo la pressione che noi studenti subiamo sotto esame (grazie ied..) (costruttiva ma sempre pressione è), credo che sia un ottimo lavoro!! la sapessi fare io quell’astronave per l’esame di 3d!!! poi vabbè è un genere che adoro la fantascienza…

I commenti sono chiusi.